NEWS DALLE AREE

Trofeo Eccellenza: le Fiamme bruciano il Rovigo nel recupero

Sabato, 08 Febbraio 2014 17:58

Le Fiamme Oro Roma vincono il trofeo Eccellenza, battendo in pieno recupero la Vea Femi Cz Rovigo per 26-25.
Gara emozionante ed incerta fino al fischio finale quando Benetti (4/5 sui piazzati) centrava i pali per il successo dei poliziotti.
Eppure il Rovigo aveva condotto il match senza grossi patemi d’animo. La prima frazione di gioco si era chiusa sul 15-6 ed aveva regalato al folto pubblico accorso al “Battaglini” due belle mete. La prima al 5’ con Ruffolo abile a sfruttare la forza del pack rosso blu. Poi era la volta di capitan Mahoney battere la difesa cremisi. Ragusi faceva il resto con 5 punti (1 cp e 1 tr).
Le Fiamme oro, invece, cercavano di tamponare il divario con il pacchetto ma subivano nelle fasi statiche. Unici punti (6) erano segnati dal piede di Benetti.
Ripresa che era la fotocopia del primo tempo, con il solito dominio nel gioco degli avanti dove il Rovigo ha sempre conquistato il vantaggio. Dopo un botta e risposta tra Ragusi e Benetti (3’ e 5’) il Vea Femi Cz forzava e metteva al sicuro lo score portandosi sul 25-9, con una pregevole meta di forza di Ferro. Tutto finito? Ed invece no, perché le Fiamme oro cercavano la meta della bandiera con rapide azioni della cavalleria leggera.

Al 77 la prima meta di Barion portava i poliziotti sul 25-16. Qualcosa cambiava nella testa dei giocatori rodigini che forse non si aspettavano la reazione dei poliziotti. Le Fiamme oro annusavano la possibilità di rientrare nel match. Al’80 era ancora Barion a sfruttare un gioco rotto e segnare la meta del 25-23. A tempo scaduto il Rovigo doveva solo gestire il recupero. Ma da un rinvio della palla le Fiamme Oro Roma attaccavano dai propri 10 metri. Pick and go fino ad arrivare in zona punti.
Su un fallo degli avanti del Rovigo veniva la possibilità per Benetti di affondare. Da 35 metri, posizione centrale, il trevigiano Nicola Benetti non falliva. 26-25 per la Fiamme Oro Roma che devono incorniciare una prestazione maiuscola, per il Rovigo, invece, una sconfitta da dimenticare.

Andrea De Rossi: "Le Fiamme Oro hanno accettato di venire a giocare una Finale qua, davanti a 4000 persone, molto sportivamente. I miei complimenti per loro, quindi, sono doppi. Sto veramente male, dentro, perchè è la terza finale che perdo. Ma soprattutto questa non riesco a mandarla giù, per la Società, per il pubblico, per il lavoro che stiamo facendo a Rovigo. Le differenze tra le due squadre ci sono, noi abbiamo giocato 70 minuti accumulando punti mentre le Fiamme Oro si sono risvegliate gli ultimi 10 minuti, vincendo, approfittando del nostro rilassamento. Come ha detto Filippo a fine gara, dobbiamo ricordarci questo stato d'animo, queste sensazioni negative, per fare in modo che non si ripetano più".
Pasquale Presutti: "Mi auguro che questa partita sia utile a Rovigo, perchè dalle sconfitte possono nascere molte cose buone. È riduttivo pensare che Spadoni, a mio parere uno dei migliori arbitri d'Italia, sia stata la causa della sconfitta di Rovigo. Abbiamo giocato bene, ce la siamo meritata tutta".

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 8 febbraio 2014
Trofeo Eccellenza, Finale
Rugby Rovigo Delta - Fiamme Oro Rugby 25-26  (15-6)

Marcatori: p.t. 5' m. Ruffolo (5-0), 11' cp. Ragusi (8-0), 15' cp. Benetti (8-3), 33' cp. Benetti (8-6), 35' m. Mahoney tr. Ragusi (15-6); s.t. 3' cp. Ragusi (18-6), 5' cp. Benetti (18-9), 19' m. Ferro tr. Ragusi (25-9), 37' m. Barion tr. Benetti (25-16), 40' m. Barion tr. Benetti (25-23), 46' cp. Benetti (25-26)

Vea Femi-CZ Rugby Rovigo Delta: Basson, Ragusi (30' st. Pavanello), Menon (11' st. McCann), Van Niekerk, Ngawini, Rodriguez, Frati (24' st. Calabrese), Ferro, Lubian E. (17' st. De Marchi), Ruffolo, Montauriol, Boggiani (11' st. Maran), Roan (24' st. Pozzi), Mahoney (cap.) (30' st. Gatto), Quaglio (30' st. Borsi).    all. Frati, De Rossi

G.S. Fiamme Oro Rugby: Barion, De Gaspari, Massaro, Forcucci, Bacchetti, Canna, Benetti (cap.), Amenta, Vedrani, Zitelli (21' st. Balsemin), Sutto, Mammana (4' st. Cazzola), Pettinari (21' st. Duca), Vicerè (17' pt. Cerqua), Naka (27' st. Cocivera). A disposizione: Marinaro, Calandro, Sapuppo.
all. Presutti

Arb. Spadoni (Padova)
G.d.l. Bertelli (Ferrara), Cusano (Vicenza)
Quarto uomo: Pulpo (Brescia)
Cartellini: nessuno
Man of the match: Ferro (Vea Femi-CZ Rugby Rovigo Delta)
Calciatori: Ragusi (tr) 2/3, (cp) 2/3 (Rovigo); Rodriguez (drop) 0/1 (Rovigo); Benetti (cp) 4/5 (tr) 2/2 (Fiamme Oro)
Note: giornata soleggiata, a tratti nuvolosa. Campo leggermente pesante a causa della pioggia dei giorni passati. 4000 spettatori circa.
Prima del fischio d'inizio, dopo l'Inno d'Italia, è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di Teofilo Sanson, storico sponsor rossoblù, e Giancarlo Zuin, ex giocatore della Rugby Rovigo e delle Fiamme Oro Padova, scomparsi recentemente.

Ultima modifica il Sabato, 08 Febbraio 2014 22:48

Dai tornei

Rugby educativo

RUGBY EDUCATIVO: approfondisci

Test Mautic

SPOTLIGHT

No data displayed on the module. Please check some parameters in the module settings again!